Per la prima volta assieme in Francia per i gemellaggi!

Da un’idea nata nell’Associazione Genitori, a partire da quest’anno le Amministrazioni comunali di Mason Vicentino e Molvena si sono unite per patrocinare un soggiorno in Francia per i ragazzi delle classi II e III della Secondaria di 1° grado. Grazie alla disponibilità delle famiglie, ed al contributo organizzativo dell’Associazione Genitori, alcuni ragazzi del nostro territorio possono così recarsi nei paesi di St. Germain La Blanche Harbe (gemellato con Mason), e Louvigny (gemellato con Molvena) per un breve soggiorno durante il periodo estivo, ospiti dei francesi avendo a loro carico soltanto un minimo costo.
Quest’anno lo sforzo organizzativo è stato reso notevole dal fatto di dover per molti aspetti aprire una strada, seppure ragazzi sia di Mason che di Molvena si fossero già recati Oltralpe a ruota degli adulti. In questa occasione, tuttavia, a partire dalla selezione delle persone (sulla base di una precisa graduatoria), le modalità e le diverse procedure da seguire per l’espatrio dei minori, le novità sono state tante per tutti, comprese le Amministrazioni Comunali che hanno fatto davvero il possibile per riuscire a partire già dal 2014 con questa interessante iniziativa.
Così, dal 23 al 29 agosto scorso 14 ragazzi e 3 accompagnatori adulti (due dei quali mamme) hanno soggiornato a Louvigny, ospitati da alcune famiglie del paese.
La partenza sabato mattina presto in aereo, da Treviso all’aeroporto di Parigi-beauvais, poi il tragitto in pullman sino a destinazione, e la calda accoglienza dei “cugini” francesi, con un impatto subito positivo per tutti. Poi, la domenica passata chi sulle spiagge dello sbarco in Normandia, chi all’inaugurazione dei Giochi Equestri Mondiali (organizzati nella vicina Caen), ed il resto della settimana che si è snodato lungo un articolato ed intenso programma, che ha tenuto sempre impegnati i nostri ragazzi.
C’è stato comunque il tempo per loro, e per gli accompagnatori, per divertirsi comunque, e per e stare molto assieme anche alle famiglie, a contatto con la loro vita quotidiana.
Infine, al momento della partenza, i saluti cordiali (bagnati anche da qualche lacrima di commozione), ed una promessa di rivedersi l’anno prossimo, magari qui da noi!

image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *